Scacchierando

Immagine
 Scacchierando... di Stefano Bellincampi
 
"
Nel trattamento delle posizioni aperte nulla di nuovo è stato trovato dai tempi di Morphy.

Mikhail Botvinnik

"

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Stefano Bellincampi (del 14/12/2010 @ 14:50:00, in Super Tornei, linkato 10405 volte)


E vince sempre lui!

  • dopo Nanchino, Carlsen bissa il successo anche a Londra!
  • Anand e McShane lo accompagnano sul podio
  • Ultimo turno Vishy Anand - Vladimir Kramnik 1/2 spagnola, difesa berlinese
  • Magnus Carlsen - Nigel Short 1-0  francese, variante Rubinstein 
  • David Howell - Luke McShane 1/2 siciliana dragone, attacco Yugoslavo
  • Hikaru Nakamura - Michael Adams 1/2 spagnola, attacco Marshall

La seconda edizione del London Chess Classic si giocherà dall’8 al 15 dicembre presso l’Olympia Conference Center di Kensington. Si tratta di un appuntamento di grandissimo rilievo nel quale saranno impegnati 8 giocatori, che si affronteranno con la formula del girone all’italiana di sola andata (7 turni). Anche quest'anno saranno quattro inglesi e quattro big delle classifiche mondiali.

Rispetto alla prima edizione sono stati confermati ben 7 partecipanti: il n.2 mondiale Magnus Carlsen, vincitore l’anno scorso, il n.4 Vladimir Kramnik, il n.15 Hikaru Nakamura e gli inglesi Michael Adams, Nigel Short, Luke McShane e David Howell.

Carlsen premiato con il Trofeo 2009

L’unica novità è data dall’assenza del cinese Ni Hua, ma il “sostituto” è decisamente di rilievo: il Campione del Mondo Viswanathan Anand! E' la terza uscita di Anand dopo la vittoria nel match con Topalov. La prima è stata ad ottobre a Bilbao, in occasione della Finale del Master, nella quale arrivò secondo con 3,5 su 6 dietro Kramnik. Il Campione indiano, che durante il Torneo compirà 41 anni, a Bilbao incontrò due volte sia Kramnik (due patte) che Carlsen (una vittoria ed una patta). La seconda uscita è stata a Nanchino dove il Campione del Mondo è arrivato secondo dietro Carlsen, con il quale ha pattato entrambe le partite. Stavolta avrà il bianco contro entrambi (contro Carlsen al 3° turno, contro Kramnik al 7°).

 

Il Campione del Mondo in carica Viswanathan Anand


Ecco l'elenco dei partecipanti:

Nome

Nazione

Elo (Nov 2010)

Classifica

 

Data

Anand, Viswanathan

IND

2804

1

11.12.1969

Carlsen, Magnus

NOR

2802

2

30.11.1990

Kramnik, Vladimir

RUS

2791

4

25.06.1975

Nakamura, Hikaru

USA

2741

15

09.12.1987

Adams, Michael

ENG

2723

22

17.11.1971

Short, Nigel

ENG

2680

58

01.06.1965

McShane, Luke

ENG

2645

100

07.01.1984

Howell, David

ENG

2611

178

14.11.1990




I partecipanti all'edizione 2010


Foto tratte dal video del sito ufficiale


Short: "ho visto Anand nervoso e ho pensato: questo è il mio momento per battere il campione del mondo...e ho giocato 35.Cg5? : - ) "

Il Montepremi del Torneo è spettacolare: 145.000 euro complessivi (l'anno scorso erano 100.000), così divisi:

118.000 in base al piazzamento nella classifica finale: 50.000 al 1°, 25.000 al 2°, 15.000 al 3°, 10.000 al 4° e al 5°, 8.000 al 6°. Il 7° e l'8° rimangono a bocca asciutta...;

20.000 verranno divisi tra coloro che vinceranno almeno una partita, in proporzione al numero delle vittorie ottenute;

7.000 verranno assegnati come premi di bellezza, 1.000 euro al giorno, in base al voto del pubblico.

Come vedete la divisione del montepremi è mirata allo scopo di incentivare il bel gioco e la ricerca della vittoria. Se a questo aggiungiamo che vengono applicate le Regole di Sofia ed i 3 punti in classifica per la vittoria sembrano esserci tutti gli ingredienti per attendersi uno spettacolo all'altezza della situazione.

Eppure l'anno scorso le cose non sono andate benissimo: su 28 partite complessive si sono registrati solo 11 risultati decisivi (39,28%) e ben 17 patte, tra cui alcune nelle quali il gioco si è trascinato stancamente fino alla 40^ mossa, forse in ossequio agli organizzatori - nonostante finali di alfieri contrari strapatti o finali di torre decisamente equilibrati - prima della triplice ripetizione di rito. In tre casi i giocatori non ce l'hanno proprio fatta ed hanno siglato il pareggio in sole 34, 36 e ancora 36 mosse : - ).

 

CALENDARIO

1°  turno, 8 dicembre ore 15:00 (ora italiana) 

Nigel Short - Vladimir Kramnik 0-1
Luke McShane - Magnus Carlsen 1-0
Michael Adams - David Howell 1-0
Vishy Anand - Hikaru Nakamura 1/2

2°  turno, 9 dicembre ore 17:00

Vladimir Kramnik - Hikaru Nakamura 0-1
David Howell - Vishy Anand 1/2
Magnus Carlsen - Michael Adams 1-0
Nigel Short - Luke McShane 0-1

3°  turno, 10 dicembre ore 15:00

Luke McShane - Vladimir Kramnik 1/2
Michael Adams - Nigel Short 1/2
Vishy Anand - Magnus Carlsen 1-0
Hikaru Nakamura - David Howell 1/2

 

4°  turno, 11 dicembre ore 15:00

Vladimir Kramnik - David Howell 1-0
Magnus Carlsen - Hikaru Nakamura 1-0
Nigel Short - Vishy Anand 0-1
Luke McShane - Michael Adams 1/2

5°  turno, 12 dicembre ore 15:00

Michael Adams - Vladimir Kramnik 1/2
Vishy Anand - Luke McShane 1/2
Hikaru Nakamura - Nigel Short 1-0
David Howell - Magnus Carlsen 0-1 

6°  turno, 14 dicembre ore 15:00

Vladimir Kramnik - Magnus Carlsen 1/2
Nigel Short - David Howell 1/2
Luke McShane - Hikaru Nakamura 1/2
Michael Adams - Vishy Anand 1/2

7°  turno, 15 dicembre ore 13:00

Vishy Anand - Vladimir Kramnik 1/2
Hikaru Nakamura - Michael Adams 1/2
David Howell - Luke McShane 1/2
Magnus Carlsen - Nigel Short 1-0

Classifica Finale
1° Magnus Carlsen 13 su 21
2° Vishy Anand 11
2° Luke McShane 11
4° Hikaru Nakamura 10
5° Vladimir Kramnik 10
6° Michael Adams 7
7° David Howell 4
8° Nigel Short 2

TEMPO DI RIFLESSIONE 

2 ore per 40 mosse + un'ora per 20 mosse + 15 minuti + 30 secondi di incremento a partire dalla 61^ mossa.

CRITERI DI SPAREGGIO

Nel caso di arrivo a pari punti, la classifica verrà determinata in base ai seguenti criteri di spareggio:
1. numero di partite con il nero
2. numero di vittorie con il nero
3. numero di vittorie totali
4. risultati degli scontri diretti

In caso di ulteriore parità, si disputeranno gli spareggi rapid (15'+2")con partite di andata e ritorno. In caso di ulteriore parità, Armageddon: 6'+2" per il bianco, 5'+2" per il nero, che vince con la patta.

IL TABELLONE DELL'EDIZIONE 2009

1 GM Carlsen, Magnus NOR 2801   1 ½ ½ 1 ½ ½ 1 13 2839
7 GM McShane, Luke J ENG 2615 0   ½ 1 0 0 1 0 7 2606
8 GM Howell, David W L ENG 2597 ½ ½   ½ 1 ½ ½ ½ 9 2760
3 GM Nakamura, Hikaru USA 2715 ½ 0 ½   ½ ½ ½ ½ 6 2644
6 GM Ni, Hua CHN 2665 0 1 0 ½   ½ ½ 0 6 2599
5 GM Adams, Michael ENG 2698 ½ 1 ½ ½ ½   ½ ½ 9 2746
4 GM Short, Nigel D ENG 2707 ½ 0 ½ ½ ½ ½   0 5 2593
2 GM Kramnik, Vladimir RUS 2772 0 1 ½ ½ 1 ½ 1   12 2787


SITO UFFICIALE, QUI

DIRETTA VIDEO E COMMENTO IN INGLESE, QUI


VISORE

Articolo (p)Link Commenti Commenti (215)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Megalovic (del 11/12/2010 @ 23:30:00, in Tornei in Italia, linkato 8608 volte)

Clamoroso: vince Matthew J. Herman (2149) con 6,5 su 9!

  • superati per spareggio tecnico i GM Solodovnichenko Tratar David e Salvador
  • Bellia primo degli italiani: 6° con 6 su 9!
  • Borgo Damia Vezzosi Garano Lapiccirella D. Iudicello Sbarra e Gagliardi a 5,5
Dal 4 all'11 dicembre si è svolto in Milano la 31° edizione del Festival Internazionale Crespi. Ben 291 i partecipanti, dei quali 69 sono iscritti nel fortissimo magistrale: 6 GM, 8 MI e 6 MF.

Classifica Finale del torneo magistrale, primi 20 (9 turni)
1 6.5 35 -- Herman Matthew J 2149 2571 USA 47.50 51.00 2405.00 34.00
2 6.5 2 GM Solodovnichenko Yuri 2563 2570 UKR 47.00 51.50 2404.00 38.50
3 6.5 6 GM Tratar Marko 2492 2464 SLO 46.50 51.50 2297.78 34.50
4 6.5 1 GM David Alberto 2587 2438 LUX 44.00 48.00 2271.56 30.00
5 6.5 4 GM Salvador Roland 2527 2515 PHI 43.00 46.00 2348.67 32.00
6 6.0 13 IM Bellia Fabrizio 2399 2496 ITA 47.00 51.50 2371.33 34.00
7 6.0 7 IM Colovic Aleksandar 2457 2513 MKD 44.50 48.50 2388.22 33.00
8 6.0 3 GM Marin Mihail 2562 2426 ROU 44.50 48.50 2301.00 32.00
9 6.0 8 IM Saric Sinisa 2452 2395 SRB 44.00 48.50 2270.00 31.00
10 6.0 16 -- Mertens Heiko 2320 2472 GER 44.00 48.00 2347.33 32.50
11 6.0 12 IM Tesic Dragan 2403 2395 SRB 39.50 43.00 2270.11 29.00
12 5.5 5 GM Drazic Sinisa 2524 2459 SRB 48.00 52.00 2378.89 33.50
13 5.5 10 IM Borgo Giulio 2414 2363 ITA 44.50 47.50 2283.00 31.00
14 5.5 19 FM Damia Angelo 2302 2382 ITA 43.50 47.00 2301.89 29.50
15 5.5 14 IM Vezzosi Paolo 2379 2266 ITA 41.50 45.00 2240.44 28.00
16 5.5 30 -- Garano Nicola 2171 2270 ITA 41.50 45.00 2190.11 26.00
17 5.5 21 -- Lapiccirella Daniele 2225 2344 ITA 39.00 41.50 2263.89 28.50
18 5.5 33 -- Iudicello Giovanni 2158 2283 ITA 37.00 38.00 2203.00 24.50
19 5.5 18 FM Sbarra Marco 2312 2221 ITA 36.00 39.50 2141.44 26.00
20 5.5 26 -- Gagliardi Christian 2188 2291 ITA 36.00 39.00 2211.11 25.00

Regolamento


Calendario del Magistrale dal 4 al 11 dicembre si disputanto i 9 turni del Magistrale. L'inizo dei turni è previsto per le ore 18:30, ad eccezione del 2° turno (5 dicembre ore 15:30), del doppio turno (8 dicembre ore 10 e 17:30) e dell'ultimo turno (11 dicembre ore 10)

Cadenza di gioco del Magistraleo 90'  x 40 mosse + 30' per terminare la partita + 30" di incremento per mossa

Albo d'oro recente

2008 Movsziszian Karen  (ARM) ( classifica QUI)
2009 GM Vadim Shishkin (UKR) (classifica QUI)
2010 ?

sito ufficiale


FantaCrespi di Lightknight

risultati e classifiche
del torneo Magistrale

VISORE

Articolo (p)Link Commenti Commenti (126)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Darkstorm (del 11/12/2010 @ 23:00:00, in I Reportages di Scacchierando, linkato 2253 volte)
REPORT dal  31° CRESPI di MILANO

Siamo alle battute finali del torneo Crespi di Milano giunto alla 31esima edizione. In pole position per la vittoria finale il forte GM ucraino Yuri Solodovnichenko, n° 2 del tabellone, che è al comando con 6 su 7 ed ha mezza lunghezza di vantaggio sul GM serbo Tratar e  sullo statunitense Herman Matthew J, sorpresa del torneo, col quale ha pattato ieri.

Le foto si riferiscono al turno di Mercoledì 8 Dicembre quando Solodovnichenko ha battuto in prima scacchiera Marin dopo essersi a lungo difeso dalla pressione e dalle minacce del rumeno. Una vittoria di nero fondamentale per determinare l'esito finale del torneo. In seconda Drazic veniva sconfitto dal meno quotato tedesco Mertens ma non per questo ha perso l'abituale sorriso che dispensa a qualsiasi giocatore incontra.

La partita più combattuta e discussa è stata quella tra la rivelazione del torneo Herman Matthew J, proveniente dagli USA e già visto di recente all'opera ad Arco di Trento, e il Maestro Internazionale italiano Giulio Borgo protattasi fino a tarda sera con entrambi i  contendenti in zeitnot. Borgo ha tenuto a lungo la posizione ma lo statunitense giocava con sicurezza durante la partita anche in posizioni complesse. Alla fine a causa di alcune imprecisioni l'italiano si è ritrovato a giocare un finale inferiore con un pedone in meno e con torre contro due cavalli che il bianco, con 2 minuti contro 40 secondi, è riuscito a condurre in porto nonostante qualche esitazione. Entrambi i giocatori sentivano la tensione visibile anche agli occhi della decina di spettatori rimasti che osservavano il loro gesticolare oltre che la scacchiera. E' sempre curioso vedere come reagiscono gli umani in situazioni cariche di adrenalina e complesse.  Borgo alla fine si è alzato stanco e provato per la dura lotta e mantenendo comunque la calma era non poco sorpreso per il gioco preciso dell'avversario in fasi cruciali della partita.

Da segnalare la patta del giovane Marco Codenotti col MI veneto Federico Manca, la vittoria del GM Alberto David che dopo l'incredibile passo falso iniziale sta conducendo una rimonta verso le zone alte di sua  ed competenza ed infine la vittoria di Gazmir Cani, in costante crescita e non nuovo a risultati di rilievo e buone partite, contro il più titolato Aranovitch.

Nello stesso giorno terminavano gli Open collaterali dopo dei quali l'organizzazione ha offerto il classico rinfresco con centinaia di tramezzini, bibite e panettoni, letteralmente presi d'assalto.

Alla premiazione degli Under 16  hanno presenziato oltre al Presidente della Scacchistica Milanese Claudio Noè (Organizzatore dell'evento), il Presidente della FSI Gianpietro Pagnoncelli, il Presidente del Comitato Regionale Lombardo Pietro Barrera e il Direttore dell'Italia Scacchistica e responsabile dell'ufficio stampa FSI Adolivio Capece che durante il torneo redige anche i bollettini del torneo. Ognuna di questa componenti ha cercato ulteriormente di stimolare e coinvolgere i giovani nel mondo degli scacchi nel quale da poco questi bambini hanno messo piede.

Tra i tanti visitatori anche il MF Nicolò Napoli, organizzatore del torneo in Crociera, al cui invito di giocare una decina di lampo ho detto si con piacere. Non possiamo mica solo stare solo a guardare gli altri che giocano!



Marin Mihail VS Solodovnichenko Yuri, Drazic spettatore privilegiato



GM Solodovnichenko Yuri , ospite abituale nelle ultime edizioni del Crespi



Il rumeno Marin Mihail



Sinisa Drazic viene sconfitto da Mertens Heiko



Herman Matthew J  contro MI Giulio Borgo, partita fino a tarda notte



MI Aleksandar Colovic vs GM Roland Salvador



MI Federico Manca contro Marco Codenotti



Tonndorf Matthias e il GM Alberto David



Massironi e Sinisa Saric



Gazmir Cani vince a sorpresa con Aranovitch



Garano-Damia e dietro Sbarra




Lapiccirella Daniele e Alessandro Burlando



RISULTATI DEL TORNEO QUI
Articolo (p)Link Commenti Commenti (1)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di LightKnight (del 11/12/2010 @ 22:30:00, in Fantascacchi, linkato 3900 volte)

Premi per i primi 4 classificati; pubblicata nei commenti la classifica finale!

Amici scacchisti, dopo la sbornia olimpica il FantaScacchi torna tra noi per darvi modo di giocare con uno dei tornei più longevi e prestigiosi d'Italia: il Trofeo Edoardo Crespi, che si svolgerà a Milano dal 4 al 11 dicembre prossimi.

La sfida avrà luogo sulle prime 15 scacchiere del torneo magistrale, di cui si dovranno indovinare i risultati. Punti bonus, inoltre, per chi indovina il vincitore del torneo e il suo punteggio.

Ovviamente, essendo questo un torneo svizzero, le partite da pronosticare appariranno alla fine di ciascun turno. Per evitare di mettere troppa fretta ai partecipanti, il gioco partirà dal secondo turno. Prendete nota delle regole e come al solito... scatenatevi! : - )

REGOLAMENTO

  1. Per partecipare al FantaCrespi 2010 basta esprimere i propri pronostici relativi al Trofeo Edoardo Crespi 2010.
  2. I pronostici si effettuano indicando il risultato delle prime 15 scacchiere del Trofeo Edoardo Crespi, sezione Magistrale, relativamente ai turni dal 2 al 9.
  3. I pronostici potranno essere espressi scrivendo un commento all'articolo di riferimento del FantaCrespi (cioè questo, salvo avviso contrario).
  4. Il pronostico per ciascun turno potrà essere espresso a partire dalla pubblicazione del turno sul sito del torneo fino all'inizio del turno in questione.
  5. Non è necessario esprimere pronostici per tutti i turni, né, a ogni turno, per tutte le partite di quel turno. Le partite per cui non è stato espresso un pronostico non assegneranno punti né penalizzazioni. Sarà possibile comunque esprimere i pronostici per partite diverse in commenti diversi e cambiare o annullare il pronostico prima dell'inizio del turno; in quest'ultimo caso vale l'ultimo pronostico formulato.
  6. Prima dell'inizio del terzo turno (6 dicembre ore 18:30) sarà possibile pronosticare il vincitore del torneo e il suo punteggio finale. In caso di parità fra due o più giocatori, varrà lo spareggio tecnico in base al regolamento del torneo.
  7. Calcolo del punteggio: ciascuna partita indovinata porterà 2 punti, a prescindere dal risultato. Il corretto pronostico del vincitore del torneo porterà 5 punti; il corretto pronostico del punteggio finale (quest'ultimo subordinato al pronostico del vincitore) porterà ulteriori 2 punti.
  8. La classifica verrà redatta sommando i punti totalizzati da ogni partecipante. e scartando il punteggio peggiore fra quelli ottenuti sommando le partite di un singolo  turno.
  9. In caso di parità al termine del torneo, avrà precedenza in classifica chi avrà scartato il punteggio più alto; se ci sarà ancora parità, chi avrà totalizzato più punti con i pronostici relativi al vincitore e al risultato finale; persistendo ancora la parità, chi avrà pronosticato più vittorie; in caso di ulteriore parità, chi avrà inserito per primo il pronostico definitivo del vincitore e del risultato finale; a questo scopo, faranno fede la data e l'ora del relativo commento su Scacchierando.
  10. Eventuali richieste di spiegazioni o proteste possono essere inoltrate nei commenti all'articolo relativo al FantaCrespi 2010. La Redazione, pur facendo tutto il possibile per evitare sviste, non si assume responsabilità in caso di errori non segnalati per tempo.
PREMI IN PALIO PER I PRIMI 4 CLASSIFICATI:
  • 1º PREMIO: set di scacchi in legno lavorato a mano;
  • 2º PREMIO: 2 DVD di lezioni delle Due Torri;
  • 3º PREMIO: 1 DVD;
  • 4º PREMIO: 1 DVD.
ALBO D'ORO FANTASCACCHI

Competizione 1º classificato 2º classificato 3º classificato Partecipanti
FantaOlimpiadi 2010 Sach-Mat Sparta! 19% 177
FantaMondiale 2010 puliciclone Alessandro Magno Fabio 83
FantaLinares 2010 DS4E Athena Bucky Gatt 41
FantaCorus 2010 KACNAPOB The dark side of the moon DS4E 52
FantaCapodanno 2010 Spettacoloso - Piero Mazzilli rex AGO - Andrea Agostinelli 46
FantaWorldCup 2009 Pekos Zum Noi stiamo con Ettore 56
FantaEuropeo 2009 Sparta! - Runner Woodpusher United IV - LordSte Impedonati - Magico Capo 101
Fantacapodanno 2009
I Mufloni - Birgus
Sparta! - Runner
Daurlo - Campionissimo
17
FantaOlimpiadi 2008 Cipollina's Patzers - John Cipollina Maggica - Stefano Bellincampi Xadrez Team - Bersek 76
FantaEuropeo 2008
Regina Cattolica- Massimiliano Ferri Sparta! - Runner La Lanterna - Dragone 1
67

Articolo di presentazione del torneo, di Darkstorm
Articolo (p)Link Commenti Commenti (225)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Carlo Marzano (del 11/12/2010 @ 22:00:00, in I Reportages di Scacchierando, linkato 5343 volte)


MEGA REPORTAGE!

Russia. San Pietroburgo.

Un tavolo con scacchi pregiati. I pezzi sono in piena battaglia. Da alcune ore; in silenzio.

Un distinto signore distrae la sua mano, che fino a quel momento sembrava solo impegnata ad arricciarsi i baffetti, e muove con sicurezza la donna bianca: Da7, scacco.

Davanti a lui, l’avversario rimane immobile. Nessuno vede i suoi occhi, sono nascosti dalle dita chiuse a serranda. Aveva già previsto la mossa apparsa sulla scacchiera. Sapeva che sarebbe finita. Le sue mani si staccano lentamente dalla fronte. La destra si muove verso l’altro. Abbandona.

È il 22 maggio 1914.

Emanuel Lasker ha appena vinto il torneo più importante di sempre, voluto e organizzato addirittura da Nicola II, zar di tutte le Russie.

Con lui, gli altri quattro che lo seguono in classifica vengono insigniti della massima onorificenza: per Lasker, Capablanca, Alechin, Tarrasch e Marshall viene appositamente creato il titolo di “grande maestro”.

I primi cinque grandi maestri nella storia degli scacchi.

 
 
 

Nicola II, zar di tutte le Russie

Sessant’anni più tardi, un bambino leggeva i racconti di questo torneo (1), e ne rimaneva affascinato.  
 
Russia. San Pietroburgo.
 
Un secolo dopo: 16 ottobre 2009.

Inizia un altro, ennesimo torneo nella città degli scacchi.

I grandi maestri ora, solo qui, sono ben sessantacinque.

Tra gli iscritti c’è anche quel bambino, cresciutello a dire il vero.

 

Sul serio vado lì?
 
 
Ritrovarsi nella lista dei giocatori ha un sapore particolare: è come un cerchio che si chiude, come penetrare nell’essenza della nostra passione. San Pietroburgo / gli scacchi. Praticamente dei sinonimi. 

Nell’ultimo secolo il mondo è stato devastato dalle guerre; l’Unione sovietica addirittura si è sciolta.

Si sono succeduti da una parte Botvinnik, Tal, Petrosian, Spassky, Karpov e Kasparov; dall’altra personaggi come Lenin, Stalin, Gorbaciov, Putin e… Kasparov (e... che cav… : - o).

Eppure, poco è cambiato qui: è sempre la patria degli scacchi. 

 

Chigorin memorial
 
Arrivo un giorno prima (kevelodicoaffa’). Entro nell’albergo che ospita la manifestazione. 

C’è un torneo rapid. Giusto in tempo per gustarmi l’ultimo turno.

Uhmmm… Qualcosa non va: riconosco subito Dreev, ma non è nelle prime scacchiere; c’è un certo Bareev che fa patta in ottava; Harikrisna è ancora più lontano…

Già: qui giocano a “scacchi”. Ma sul serio. 

Il torneo  

Primo turno: accedo in sala e prendo posizione alla mia scacchiera.

Non ho pescato poi così in alto: davanti a me siede un semplice Melkumyan (2569).

Vedo più in là i g.m. schierati, in ordine di elo: Zhigalko (2601); Fedorov (2600); Burmakin (2599); Iudin (2599); Popov (2595), e giù fino a Epishin (2590).

 

“Ma che… non era pattaaaaaaaa?”
 
 
Wow! Epishin in nona scacchiera. Torneo fortino, dite? 

Eheheh… Perdonate la tentazione: più invecchio più mi diverto a fare scherzetti.

Questa appena descritta era… ehm…la sala B : - D

La sala dei polliiiiiii!

 

Sala “principale” (scacchiere 22-102)

 

Sala A (prime 21 scacchiere)
 
In quella A erano invece ospitati solo i giocatori “seri”: Harikrishna (n. 1, 2673); Kurnosov (2669); Areshchenko (2667); Dreev (2659); Kobalia (2648) e via di seguito. 

Ben ventitré giocatori da 2600 e oltre, e addirittura sessantasei (!) sopra i 2500.

Così, al terzo turno si vedono tipetti come Harikrisna in 51^ scacchiera, o il buon Sandipan addirittura in 90^. Gli stessi che ti ritrovi accanto facendo colazione (ci sarà qualcuno che porta sfiga?Bah…). Circondanti da un simile numero di g.m., ci si sente proprio “il nulla cosmico”. (2)

Io personalmente preferivo la sala C: non perché mi sentissi “al posto giusto”, quanto per le luci più soffuse e le grandi vetrate non coperte dalle tende.

 

Sala amatori
 
Insomma, qui si respira vera aria di scacchi. 

E pensare che questo per loro è normale: basta vedere il grande torneo dell’Aeroflot di Mosca, in cui puoi giocare nel torneo principale solo se sei uno che, un po’, ci capisce. Il che, secondo i russi, capita se hai almeno 2550. Altrimenti, vai nel B (2549/2400). E che sarà…

A Mosca, però, si gioca in febbraio, con temperature che si aggirano attorno ai 20/25 gradi sotto lo zero, come se non bastasse con un vento assassino X - |

Non sono ancora pronto (tutte scuse: la realtà è che non mi ispira particolarmente dovermi iscrivere al torneo Z).

Organizzazione ineccepibile. Arbitri competenti e cortesi, oltre che efficienti: accoppiamenti appesi pochi minuti dopo la fine delle partite. Ottimo trattamento dei giocatori, e graditissima la scelta sull’orario dell’ultimo turno:

 
 
 

A
mezzogioooooorno!
 

Il torneo è stato vinto da Sergey Volkov, che ha realizzato 7 su 9 insieme a Weiqi, Deviatkin e Melkumyan 

 
 

Il prestigioso trofeo del primo premio (3)

Tra le giovani promesse, si è notato il quattordicenne indiano Santosh Gujrathi Vidit (2423) che al quarto turno ha sconfitto Sakaev (2625). In realtà Vidit si era già fatto conoscere l’anno precedente, quando aveva vinto il campionato del mondo under 14. È simpatico e promettente, ma per il momento il connazionale Negi è ancora nettamente più forte e si impone senza problemi:

 

Superiore comprensione posizionale 

Vi si propone di soggiornare presso la sede di gioco. Meglio di così…

Holiday Inn, nota catena internazionale. Un hotel a quattro stelle; e sono quattro stelle vere.

Fatto il solito giro su internet, verifico che il prezzo di una singola standard è di 71,00 euro, colazione esclusa.

L’organizzazione del torneo, guidata dalla gentilissima Irina Sudokova, mi sistema in una camera non “normal”, bensì “superior” (ma forse avevano saputo che ero l’inviato speciale di Scacchierando 8 - )), colazione compresa, al prezzo di… 35,00 euro.

Che dire: meno della metà.

In alcuni tornei italiani può capitare di pagare addirittura più del prezzo ordinario, se passiamo tramite gli alberghi “convenzionati” (: - o e non ditemi che non ve eravate accorti).

Qui invece emerge la serietà dell’organizzazione e il rispetto per i giocatori.

Le informazioni sull’albergo, però, non sono affidabili: c’era scritto che internet sarebbe stata a pagamento, al costo di circa 4,00 euro l’ora.

Basta saperlo. Poi però, arrivati sul posto, si scopre che non è così: l’accesso è gratuito!

Volevo protestare energicamente per l’inefficienza, ma poi ho lasciato perdere. Meglio mantenere la concentrazione.

Intervistata la Sudakova, mi dice che è la prima edizione con l’Holiday Inn, per cui non è sicura di poter mantenere le stesse condizioni anche per il futuro. (4)

Ha invitato i g.m. over 2600, ma il premio è corposo (circa cinquemila euro), e quindi gli altri accorrono senza necessità di ingaggi.

Colgo l’occasione per recriminare sul fatto che il torneo estivo di San Pietroburgo sia riservato alle donne: ogni anno mi esalto quando becco l’evento sul calendario per poi rimanerci male appena mi accorgo che non è per maschietti.

Irina replica segnalandomi che ci sono anche altri tornei nella stagione più calda; mi manderà i link. Precisa che però le manifestazioni non sono così forti e pieni di g.m. come quella in corso, ma conclude: “Per te va bene lo stesso, però”… : - (

Poi le chiedo se ha interesse ad avere altri giocatori dall’Italia per le edizioni successive, cosa che potrebbe capitare grazie al coinvolgimento del megablog Scacchierando.

Irina arrossisce (è educata) e mi risponde imbarazzata: “Meglio evitare: rovinerebbe il prestigio del torneo. Già quest’anno ci sei scappato tu e la Federazione ha dovuto chiudere un occhio, ma solo dopo miei insistenti pressioni”.

Poi vede che ci rimango maluccio e allora sorride: “Ma scherzoooooo, per noi è un onore avere un reporter di Scacchierando”.

Shhhhhhhh! Zitta, non parlare voce alta!

Niente da fare: ormai la frittata è fatta. La notizia si diffonde e io non riesco più a respirare.

Mi additano per le strade. A colazione mi ferma Dreev e mi confessa (a bassavoce) che muore dalla voglia di conoscere Bellincampi, anche solo per mail; Fedorov mi tormenta perché vorrebbe scrivere almeno un articolo (è persino disposto a pagare).

Insomma, un inferno. Non riesco a concentrami per le partite.

Anche Irina, giorno dopo giorno e con crescente insistenza, mi supplica di mettere una buona parola per realizzare un gemellaggio tra il sito di San Pietroburgo e il blog Scacchierando.

Offre somme molto alte, che mi disorientano.

Non disorientano il Capo, invece; che è ben abituato a simili pressioni. Purtroppo su queste cose è irremovibile: ci tiene molto a non mischiarsi con siti di minore prestigio.

Allora Irina tenta un’ultima carta. E rilancia forte: oltre al gemellaggio, mette a disposizione una schiera di giovani sue concittadine, segretarie e telefoniste, da impiegare come collaboratrici fisse nella redazione italiana : - \

Questa volta il Capo assorbe il colpo.

Ci riflette. Si consulta con i suoi uomini: Angelmann; Megalovic; Dark. Alla fine è costretto a cedere.

Stiamo predisponendo un contrattino : - D

 

L’organizzatrice del torneo, Irina Sudakova (elo 2350), con il suo staff

 
Note dolenti: il visto  

Un vero cronista ha il dovere di riportare anche i lati oscuri.

Ed è quello che farò io, specie perché non sono un cronista e quindi… me ne frego.

Vi avviso che non ho curato la sintesi in questo capitoletto, che pertanto potrà risultare tedioso (anzi, lo è certamente!). Vi invito quindi a saltare a pie’ pari. A questo serve la separazione in paragrafi: chi vuole può tranquillamente andare a quello successivo.

Se continuate, sappiate che le prossime righe conterranno un mio sfogo personale “barra” avvertimento per tutti gli amici italiani. Del resto, ci sono state autorevoli richieste nei commenti sul blog durante il torneo ; - )

Già da alcuni anni sapevo che giocare a Mosca o a San Pietroburgo sarebbe stato più “scomodo” per via del visto che deve rilasciare il consolato russo.

Ma non pensavo che le cose andassero così.

Più semplicemente, non ero preparato.

Vi anticipo che durante la mia “avventura” preliminare il pensiero si rivolgeva automaticamente al povero Tajmanov: a ciò che gli è capitato alla frontiera russa al rientro dal match contro Fischer.

Ovviamente con il dovuto rispetto e le debite proporzioni: non oserei compiere parallelismi del genere.

Solo che avevo qualche segnale in più per comprendere, anche se molto alla lontana, certi meccanismi.

Dunque: il consolato russo a Roma deve rilasciarti il visto.

Che ci vuole? Contatti l’organizzazione del torneo, spedisci il tuo passaporto scannerizzato, ti fai mandare l’invito con le date, l’albergo prescelto, prepari una foto e via a chiedere il visto turistico. Non vedo tutta ‘sta difficoltà.

E dunque…
  
Primo giorno

Tento un timido accesso a via Nomentana: l’ufficio consolare è aperto fino alle 11,30. Non ho alcuna intenzione di sprecare l’intera mattinata, quindi passo al volo verso le 11,15. Se va bene ok, altrimenti magari chiedo informazioni per verificare se ho tutti i documenti.

Non va bene: fanno entrare solo cinque alla volta.

Chiedere informazioni? Gli altri in fila mi avvisano che c’è un indirizzo mail del consolato, ma che nessuno risponde. Il numero di telefono poi… inutile dirlo.

Secondo giorno

Da grande stratega, mi metto in fila con ben cinquanta minuti di anticipo sulla chiusura del varco d’ingresso.

Alle 11,30 il tizio del gabbiotto (il quale fino a quel momento proprio non parlava italiano) mi dice -quasi ammonendomi- che devo rivolgermi alle agenzie.

Scatta il segnale nella mia mente malata S - (

Del resto, se uno è cocciuto è cocciuto. Ma sono stato colpito su un punto dolente: già sul lavoro non ci si riesce più a muovere senza utilizzare le agenzie di servizi (e questa è un’altra storia). Quindi, mi impunto: questa volta faccio da solo, ekkeccakkio!

Terzo giorno
  
Mo’ li frego io, eheheh!

Sveglia alle 6,00 (ehhhhhhhh?). In fila alle 7,20. Il portone d’ingresso apre alle 8,00.

Praticamente mi ritrovo lì da solo:
 
 

La fila davanti al consolato russo alle 7,30 di mattina, mezz’ora prima dell’apertura

Fortuna: gli italiani sono pochissimi, e fanno una fila separata. Io sono il secondo in lista, e dunque è fatta!
 
Entriamo.  

Le agenzie vanno nell’atrio dove due funzionarie lavorano le pratiche.

I “privati” invece vengono ricevuti direttamente dal vice console.

Wow! Che onore!

Questi russi ti trattano proprio bene: addirittura c’è un rifornitore di bibite e spuntini vari. Chissà a cosa servono qui, del resto siamo tutti di passaggio veloce…

L’accoglienza poi è ottima: c’è posto a sedere, e subito ti danno in dettaglio tutte le informazioni di cui hai bisogno. Ti senti tranquillo e fiducioso che il funzionario avrà cura delle tue esigenze e certamente verrà incontro alle eventuali difficoltà. Sono elencati tutti i tuoi diritti, illustrate le possibilità di reclamo, e così via, nell’ottica della massima trasparenza amministrativa e più ampia tutela del cittadino:

 

Il cartello di benvenuto che elenca compiutamente i nostri diritti

 
L’ufficio del vice console apre alle 9,00 e chiude alle 12,00. Il titolare arriva alle 8,57. Fico! Si vede che non siamo in Italia. 

La fiducia nell’esito positivo della giornata aumenta (intanto però, chissà perché, avevo avuto l’intuizione di portarmi un po’ di lavoro dietro: ottima valutazione della posizione).

Iniziano i sospetti: la porta si apre solo alle 9,33. Mi viene riferito (ma solo dal rassegnato popolo in attesa) che il vice console svolge tutto il suo bel lavoro, e solo quando proprio gli viene voglia ritira qualche domanda di visto.

Eppure si tratta soltanto di ricevere la domanda e i documenti, non certo di emettere il visto (per quello sono necessari almeno dieci giorni, se non paghi l’urgenza): l’operazione richiederebbe di regola circa un minuto; due o tre quando insorgono problemi.

Nell’arco dell’intera mattinata, intervallando la sua attività, il vice console ritira cinque domande di visto. Sono quelle del giorno prima, che avevano avuto la “priorità” come premio per l’attesa.

Noi freschi di giornata rimaniamo a bocca asciutta.

Contrariamente da quanto traspare da queste righe, rispetto agli altri io sono il più allegro e ottimista. Già, perché i consolati russi in Italia si trovano soltanto a Roma, Milano, Genova e Palermo. Dunque i miei compagni di fila provenivano da altre regioni d’Italia: avevano preso un treno all’alba, o addirittura l’albergo per la notte.

Tutto inutilmente. Sarebbero dovuti tornare il giorno dopo, forti della “priorità”.

Si tratta (è fantastico) di una tecnica consolidata: ti fanno appositamente attendere un’intera mattinata, a vuoto S - ( 

Inoltre, quando qualcosa non va nei documenti, ti correggono una cosa alla volta, per gradi: ho incontrato persone che avevano ripresentato la domanda più volte, e in ogni occasione saltava fuori una cosa nuova.

Anche nelle menti più ottuse si insinua il dubbio che da parte del consolato si “suggerisca” in maniera non proprio velata di rivolgersi alle agenzie…

Inutile dire che già da tempo mi avevano fatto totalmente passare la voglia di andare a San Pietroburgo.

Quarto giorno

Riassumo così le vicende del quarto giorno: il mio passaporto è (o meglio era) praticamente nuovo.

Dirottati nella fila delle agenzie (il vice console era assente), la tizia che riceve la mia domanda, gentile e soprattutto sorridente, infila un’unghietta nella micromininvisibilimmaginariasbavatura dell’angolino (della pagina in cui c’è la plastica di copertura attaccata al foglio di carta) e letteralmente mi scolla (strappa) l’angolo per oltre un centimetro.

Questo è scollato, non va bene. Rimetta a posto il passaporto”.

: - o 

…  

S - (
 
Ho reagito. Verbalmente.

In quel momento eravamo divisi da un vetro molto spesso, sembrava blindato.

Solo a quel punto ho realizzato quale fosse la situazione reale. Una scena dantesca: nell’atrio c’erano rappresentanti delle agenzie sparsi un po’ dappertutto. Mi sembrava di essere in un film: strizzo le palpebre e metto a fuoco che ciascuno di loro aveva accanto a sé, a pronta disposizione, almeno un paio di colle, di tutti i generi. “Non ti preoccupare, lo fa con tutti. No, senti: è inutile che tu vada su a protestare dal console: quella è la moglie”.

Povero Tajmanov.

Peggio mi sento: mi viene spifferato che l’atteggiamento sia ispirato a una sorta di “principio di reciprocità”: non fanno altro che modellarsi su quello che combinerebbero i nostri al consolato italiano a Mosca, quando hanno a che fare con i russi (ossia tutti i giorni).

Non oso pensarci e sono ancora più amareggiato.

Doveroso è il ringraziamento, comunque, ai funzionari del consolato, per aver conferito un’aria più vissuta al mio passaporto. Il quale, poverino, ha finalmente provato l’ebbrezza di essere rivoltato fino a strapparsi, schiacciato sotto una fotocopiatrice, sfogliato da Speedy Gonzales (ma le pagine hanno resistito, eheheh), scollato, rincollato, e chissà cos’altro ancora quando l’ho abbandonato solo soletto per dieci giorni…

Fine dello sfogo. Potete ricominciare a leggere da qui.

 
Sainkt Petsburg
 

Ero quindi un filino prevenuto dopo l’esperienza al consolato.

In Russia però tutto è filato liscio.

Il “popolo” è addirittura gentile: un simpatico signore mi ha avvisato che sarei dovuto scendere dall’autobus, nonostante avessi chiesto nulla a nessuno (era la coincidenza con la metro: si vede che avevo la faccia da turista, e soprattutto la valigia). 

Hanno persino riaperto le porte del bus per restituirmi il berretto diligentemente lasciato sulla panca (ma… io… l’avevo fatto apposta per metterli alla prova!).

E poi dicono che i russi sono orsi…

 

Altro che orsi!
 

Quello che non piace tanto è il trattamento differenziato degli stranieri: in molti posti (musei) paghi il doppio solo perché non sei residente. (5) Ti guardano in faccia, e ti fanno pagare di più, poiché capiscono subito che non sei russo nonostante tu cerchi di depistarli indossando un colbacco e portandoti appresso libri di scacchi (ma… erano quelli di Porreca : - ( Ecco perché il tizio scuoteva la testa con aria di rassegnazione).

La città è suggestiva.

Non capisco perché nelle guide turistiche si trovino solo foto scattate durante il giorno. I notturni sono imbarazzanti, in quanto i russi non fanno economia nelle luci e creano degli effetti portentosi. Tutti i palazzi del lungoNeva Dvortsovaja sono illuminati per far risplendere la propria bellezza. Se la scena vi si presenta all’improvviso provenendo dalla giusta prospettiva (ossia dall’altra parte del fiume) rimanete senza fiato.

Purtroppo la redazione non mi fornisce strumenti adatti, e quindi sono costretto a rimediare con la mia modesta macchinetta digitale, e le foto in “posa B” senza cavalletto non sempre sono opere d’arte…

 

ДВОРЦОВАЯ ΗΑБ 
 
 

Troitskij Most

 

Canali

 

Un “anonimo” palazzo sulla Kamennoostrovkij Prospekt

Ero ben attrezzato per affrontare le temperature del rigido inverno russo. Invece ho potuto addirittura girare senza sciarpa. Quassù il freddo è secco, quasi gradevole rispetto alla nostra umidità. Però nei primi giorni pioveva. Allora ho dovuto mettere in atto la sofisticata tecnica dell’ “accendeteviunasigarettaallafermatael’autobuspasseràalcolpo”. Così, ho acquistato un ombrello e, come per incanto, da allora non è più venuta giù una goccia : - )

Quanto alla preparazione per il torneo, poiché ci tenevo ho cercato di curarla quanto più possibile: ho ripassato tutte le varianti di apertura, riletto attentamente l’intero manuale dei finali, e sviscerato persino le più recenti novità teoriche. Mi sono quindi presentato fiducioso di avere la situazione sotto controllo e di poter gestire ogni inconveniente con estrema sicurezza.

 Tutto inutile: sono andato subito in crisi davanti alla loro imprevedibile tecnica di gioco!
 
 
 

Magna e passa
 
 
Eh sì: siamo in Russia. Qui gli scacchi regnano ovunque (6), e non si limitano certo alle pubblicità: a San Pietroburgo potete trovate il “palazzo Jusupov” e persino… il quartiere Spassky!
 
 
 

Fresca lit
 
 
Conoscendo bene la lingua posso rivelarvi che la pubblicità dice: “Lavati i denti con ‘Fresca lit’ e le tue proposte di patta saranno molto più gradevoli”.
 
È il momento di alcuni avvertimenti pratici.
 
Non fate affidamento sui numeri civici delle vie: sono dei trucchi per ingannare i turisti! Io sono sceso dalla metro all’inizio della via dell’albergo. Da diligente scacchista avevo preventivamente analizzato la posizione: hotel al numero 97, e dunque al massimo dieci minuti di cammino. 

Macché: i numeri sono solo un riferimento mooooolto orientativo. Ogni tanto, quando la parete dell’edificio è particolarmente sguarnita, ne piazzano lì uno…

Così, ho dovuto camminare per ben quattro chilometri per vedermi passare accanto i novantasette numeri civici che mi guidavano all’albergo (sul serio X - |).
 
A proposito, la metro: occorre stare un po’ concentrati. Se vi mettete a pensare al perché avete pavidamente ripiegato su Ca3 invece che dare l’ovvio scacco in c7, avete già perso la vostra fermata. Infatti -cosa alla quale non siamo assolutamente abituati- quasi sempre dal vagone non si legge il cartello che indica la stazione. Nei rari casi in cui si intravede la scritta, questa è comunque in cirillico. Neanche potete affidarvi all’altoparlante che annuncia le fermate, perché non si capisce un’acca, e come se non bastasse persino lo speaker parla in cirillico. (7)
 
Vi assicuro che sarete praticamente costretti a contare le fermate.
 
Ci sono poi altre sorprese per noi: al mio esordio nella metropolitana, addirittura ci ho messo un bel po’ per riconoscere l’ingresso nel vagone. Ho capito, sarò anche rimbambito, ma ditemi se non vi sembra un ascensore:
 
 

Si sale?
 
 
A proposito: nella metro di San Pietroburgo è vietato scattare foto… : - o
  
 

Soffrite di claustrofobia?
 
 
Nei negozi invece le scritte non sono rigorosamente in cirillico, ma ho l’impressione che questo valesse solo per oggi.
 
 

Questa sì che la capisco!
 
 
Fra gli importanti richiami turistici della città, ecco l’imponente basilica di Sant’Isacco; la quarta cattedrale al mondo quanto alla grandezza della cupola. (8)
 
 

Basilica di Sant’Isacco
 
 
All’esterno si rimane assolutamente impressionati dalle monumentali colonne (ben centododici), dal peso di centoquattordici tonnellate ciascuna, che furono trasportate fin qui addirittura su chiatte dalle freddi terre del Nord (attuale confine fra Russia e Finlandia). Non vi sembrerà possibile, ma le colonne sono tutte monolitiche, costituite da un unico blocco di granito!
 
 
 

Le colonne di Sant’Isacco
 
 
Vi chiederete come le hanno tirate su, nel 1800: fu appositamente creato uno speciale argano che richiedeva l’impiego contemporaneo di centoventotto uomini. (9)
 
 
 

Oooooh issaaaaa
 
 
Dietro Sant’Isacco c’è la piazza dei decabristi, tristemente famosa. Qui nel 1825, durante l’insediamento del nuovo zar Nicola I, vi fu un tentativo di colpo di stato: gli ufficiali liberali erano preoccupati dalle inclinazioni di Nicola I, il quale aveva proclamato idee molto più rigide rispetto al fratello maggiore Costantino (che aveva abdicato), e incitarono i soldati alla rivolta. Dopo diverse ore di tensione, Nicola I si ricordò di essere stato appena proclamato zar, si innervosì alquanto e decise che era venuto il momento di dare una decisa conferma del suo carattere non esattamente morbido: ordinò alle sue truppe di usare le mitragliatrici e falcidiò centinaia di persone sulla piazza. Poi fece impiccare cinque capi rivolta, mandò un centinaio di ribelli in esilio e, finalmente, fu in grado di governare in santa pace.
 
Dopo aver letto queste cose vi assicuro che si cammina con una certa soggezione sulla piazza.
 
 

La piazza dei decabristi con il cavaliere di bronzo

 

Proseguendo il giro della città, si incontra l’immenso Campo di Marte, luogo dedicato alle esercitazioni militari e alle parate. Al centro del campo, un fuoco arde perennemente in ricordo dei combattenti della rivoluzione del 1917 e della successiva guerra civile. 

 


La fiamma eterna
 
 
Dal Campo di Marte, se alzate lo sguardo, scorgete improvvisamente l’incantevole Chiesa del sangue versato.
 
 

Che emozione!

 

La chiesa del sangue versato

 

Una corona da re
 
Concepita in memoria dell’imperatore Alessandro II, vittima di un attentato nel 1881, è nota per i suoi tempi lunghi: ventiquattro anni per costruirla e ben ventisette per restaurarla!
 
Un pittore ci mostra come appare la chiesa dalla via principale: 
 
 

L’icona di San Pietroburgo
 

Nella strada che porta al monumento prima meta dei turisti, una sorpresa: ci sono addirittura i quadri alle pareti. Chissà quanto durerebbero da noi… 

 


Nab Kanala Griboedova
 
 
Non poteva mancare, proprio davanti alla chiesa, il classico mercato caratteristico: 
 
 

Mercatino tipico
 
 
In Italia per ammazzare il tempo i gestori delle bancarelle si sfottono sull’ultimo risultato del derby. Qui però siamo in Russia… 
 
 

“Niet, scakkiera no compra kuesto momento; torna una oretta”

 
Nel mercatino potrete ammirare ogni sorta di matrioska. Da quelle tradizionali…
 
 

Matrioske
 
… alle più innovative…  
 
 

E te pareva!
 

Nella stessa zona i turisti più colti possono apprezzare anche una libreria molto fornita, con volumi tradotti in tutte le lingue. Qui però il concetto di libreria è un po’ diverso dal nostro. Entrate, scegliete il vostro volume, vi sedete, lo leggete con tutta calma, e poi ve ne andate… 

 

Un concreto incentivo alla cultura


L’immancabile carrozza
 

Al centro di San Pietroburgo c’è l’isolotto con la fortezza dei SS. Pietro e Paolo, nella quale sono esposti i sarcofagi di molti zar.  

 

SS. Pietro e Paolo
 
Da qui iniziò la costruzione della città per opera di Pietro il Grande, che utilizzò la torre come punto panoramico per sovrintendere i lavori edilizi. La guglia, alta infatti ben centoventidue metri, conserverà il primato fino agli anni sessanta, quando verrà superata in altezza da un… trasmettitore TV : - (
 
Si può anche ammirare l’elegante “casa del comandante” (ora trasformata in museo):
  

In autunno gli architetti sono proprio soddisfatti

E che faceva di bello il nostro comandante nei momenti di pausa? 
 
 

Notate le case azzurre e rosa: molto femminile!

L’isolotto è da visitare, perché oltre al museo e alla cattedrale si possono perlustrare le famose prigioni in cui furono rinchiusi i prigionieri politici.
 
  

Prigioni nella fortezza
 

È sempre suggestivo addentrarsi in una galera, interamente accessibile al pubblico. L’atmosfera è pesante. Nell’ottica di rendere più gravosa la pena, tutte le celle erano isolate persino acusticamente, in modo da non permettere alcun contratto fra i detenuti: 

 


Struttura parete divisorie

 

La temuta coppia degli alfieri 

L’Ermitage
 
Anche i più pigri e disinteressati, una volta a San Pietroburgo, dovranno per forza andarsi a fare un “giretto” all’Ermitage, uno dei musei più noti al mondo.
 
 

L’Ermitage visto dalla sponda opposta del fiume


Il “Palazzo d’inverno”
 

L’importante è programmare la visita con largo anticipo sull’orario della vostra partita del pomeriggio: 

 

In effetti potrebbe esserci un po’ di fila

Ovviamente troverete molte opere famosissime. 
 
 

Gauguin: “Dove vai?”
 

Il dipinto qui sotto rappresenta la moglie di Matisse, che era anche la modella dell’artista.  

 

Matisse: “Donna con cappello”
 
La mia guida portatile mi illustra una caratteristica dell’opera: il quadro nel suo complesso è estremamente semplice, tutti gli elementi sono essenziali, mentre al contrario il cappello è curatissimo nei dettagli. Si vede che era un regalo e la signora ci teneva molto…
 
Il dipinto fu esposto nel 1905 e suscitò scandalo e polemiche poiché fu considerato addirittura provocatorio per l’uso dissacrante dei colori. In questo modo però Matisse acquistò fama e notorietà. 

Personalmente, il particolare che mi ha più colpito è quello degli occhi: due penetranti buchi neri. Mooolto inquietante. Mi domando come facesse Matisse a dormire accanto alla moglie, se la vedeva così.

Matisse: “La danza”. Uno dei dipinti più famosi




Matisse: “Armonia in rosso”
 

Quest’altro celebre quadro era stato dipinto inizialmente in verde, e appunto intitolato “Armonia in verde”. Il committente tuttavia non era soddisfatto e Matisse fu costretto a cambiare il colore, dipingendoci sopra. Lo sfondo divenne così da verde a blu. Neanche questo però piaceva, e quindi per l’ennesima volta l’artista si rimboccò le maniche e coprì tutto di rosso! Indeciso, il tipo… (10)

Mi permetto a questo punto di rivelarvi un simpatico particolare, che stranamente non viene riferito nei libri d’arte, e che si scorge esaminando l’originale da vicino: Matisse si era talmente scocciato di questo andirivieni (prima verde, poi blu, infine rosso) che ha lasciato nel colore originale tutto il bordo del quadro:

 

Armonia in rosso (dettaglio): ma… era finita la pittura? 

Considerate che questa circostanza non solo non è messa in risalto, ma addirittura sembra talvolta volutamente celata: spesso infatti il dipinto viene riprodotto “tagliato” in riquadro, e non si vede il bordo di colore diverso. Tanaaaaaaaa!
 
Ovviamente nel museo non c’è solo la pittura: 
 
 

Che faticaccia!
 

Lo scultore sarà stato pure bravo; ma certo per la modella è stata un’ammazzata! 

 

Picasso: “Le due bevitrici di assenzio”

Qui avete l’ennesima prova che non vi potete fidare dei libri: il rosso del quadro originale (a sinistra) è diventato arancio nella foto del volume (a destra). L’impatto dell’opera cambia radicalmente: dal vivo è molto più intenso e drammatico (io però preferisco la versione arancio : - )).
 
Vorrei terminare con quello che ho eletto a mio quadro preferito nell’Ermitage: la “Donna con ventaglio” di Picasso. (11) Purtroppo l’opera rende solo dal vivo per via delle sue dimensioni, poiché è praticamente a grandezza naturale (cm. 101 x 152).
 
 
 

Picasso: “Donna con ventaglio”

 
In conclusione, l’esito del viaggio a San Pietroburgo è stato estremamente positivo: ottima la sistemazione; fortissimo il torneo; suggestiva la città. Non avrò incrementato il mio elo, ma almeno ho avuto l’occasione di ammirare molte opere famosissime da vicino. 

Ben prima di tutto questo, però, la cosa più emozionante e impagabile rimane aver giocato un torneo di quella levatura e soprattutto lì: dove un secolo prima nacque il titolo di grande maestro, e dunque in quello che rappresenta, per tutti noi, il vero cuore della patria degli scacchi!

 
; - )
 
Carlo
 
 
 
Note:
 
 
 
  1. Si trattava di “I grandi maestri degli scacchi” (titolo originale “Grandmaster of chess”, di Harold C. Schonberg; edizione italiana Aldo Garzanti Editore, 1975). Un trattato poco conosciuto sulla storia dei campioni, da Philidor a Fischer. Uno dei miei primi libri, che ha contribuito a rendere romantici gli scacchi ai miei occhi. Lo consiglio vivamente (ribadendo che è meramente discorsivo: c’è una partita ogni venti pagine).
  2. Copyright universalmente riconosciuto a Luca Pagano, che nei commenti televisivi alle partite di poker Texas hold’em usa descrivere in questa eloquente maniera l’assenza più totale di punti.
  3. Gentilmente offerta dall’Ermitage : - P
  4. Infatti per l’edizione del 2010, appena svoltasi, il torneo ha cambiato sede.
  5. In Norvegia è esattamente l’opposto; ma per saperne di più dovrete aspettare il prossimo reportage ; - )
  6. In realtà qui le ragazze giocano a dama. Sorpreso che nella foto non fosse stata usata la damiera internazionale (case 10 x 10), ho fatto una ricerchina e ho scoperto che anche in Russia, così come in Italia, si usa la damiera 8 x 8 (anche se le regole sono comunque diverse dalle nostre).
  7. Per i più distratti, questa era un battuta.
  8. Per gli ossessivi compulsivi riporto anche la classifica, che vede ben due italiane nelle prime tre: 1^ San Pietro a Roma; 2^ San Paolo a Londra; 3^ Santa Maria del fiore a Firenze.
  9. Si narra che l’inventore fu uno degli operai.
  10. In realtà il quadro fu presentato come “La desserte” (la credenza), definito dall’autore “L’armonia in rosso”, ma è più conosciuto in tutto il mondo, e specialmente in Russia, come “La stanza rossa”.
  11. Titolo non certo frutto di una fervida immaginazione. Picasso si è sempre distinto per l’assoluto disinteresse nella ricerca dell’originalità nei titoli dei suoi lavori. Se dipingeva una caffettiera escogitava l’eclatante titolo “La caffettiera”; una natura morta di polipi e seppie diventava a sorpresa “Natura morta: polipi e seppie”. È riuscito persino a titolare un’opera “Pescatore appoggiato al gomito: - D Il suo messaggio sembrava piuttosto chiaro, quasi come volesse dirci: “Non seccatemi: io sono un pittore, non un poeta!”.
 
I precedenti, spettacolari reportage di Carlo Marzano:

Sunny Beach, QUI
Vienna, QUI
Cracovia, QUI
Bornholm, QUI
Stoccolma, QUI
Curacao, QUI
Articolo (p)Link Commenti Commenti (10)  Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543

 


Cerca per parola chiave
 

Titolo
Campionati giovanili (48)
Campionati Italiani a Squadre (41)
Campionati Italiani Rapid, Lampo e Semilampo (7)
Campionati Nazionali (45)
Campionati Regionali e Provinciali (3)
Campionato Europeo 2007 (14)
Campionato Europeo 2008 (19)
Campionato Europeo 2009 (4)
Campionato Europeo 2010 (14)
Campionato Europeo 2011 (15)
Campionato Europeo 2012 (4)
Campionato Italiano 2006 (10)
Campionato Italiano 2007 (27)
Campionato Italiano 2008 (26)
Campionato Italiano 2009 (16)
Campionato Italiano 2010 (13)
Campionato Italiano 2011 (7)
Campionato Italiano 2012 (5)
ChessTravels (5)
Come diventare un perfetto CM (1)
Come diventare un perfetto NC (15)
Commentando 2007 (18)
Commentando 2008 (16)
Commentando 2009 (16)
Commentando 2010 (8)
Competizioni a squadre (158)
Convenzioni (5)
Corus 2010 (16)
Didattica (7)
Dirette (70)
Editoria e dintorni (19)
Eventi ECU (2)
Eventi FIDE (51)
Fantascacchi (26)
I Reportages di Scacchierando (223)
Le Interviste di Scacchierando (15)
Link (8)
Match dei Candidati (52)
Matches (11)
Mondiale 2005 (17)
Mondiale 2006: Topalov-Kramnik (24)
Mondiale 2007 (48)
Mondiale 2008: Anand-Kramnik (14)
Mondiale 2010 (31)
Mondiale 2012 (5)
Mondiale Femminile 2008 (2)
Mondiale Femminile 2010 (1)
Mondiale Femminile 2011 (1)
Mondiale Femminile 2012 (2)
Note semiserie (11)
Notizie (204)
Occhi puntati su... (46)
Olimpiadi 2008 (21)
Olimpiadi 2010 (14)
Olimpiadi 2012 (25)
Partite commentate (29)
Partite storiche (4)
Poker (4)
Principianti (1)
Proposte e dibattiti (16)
Punteggio Elo (12)
Raccontando (54)
Riflettori puntati su (2)
Sala della Gloria (9)
Scacchi e... (9)
Scacchierando (48)
Sondaggi (4)
Studi (13)
Super Tornei (51)
Surfing on the Net (56)
Test (6)
Tornei all'Estero (543)
Tornei in Italia (232)
Tornei per Computer (4)
Tornei Rapid e Blitz (16)
Torneo dei Candidati 2013 (10)
Uno, dieci, cento scacchi (2)
Video (1)
Vignette (17)
World Cup 2007 (24)
World Cup 2009 (13)
World Cup 2011 (8)

Catalogati per mese:
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
seitan for president!
07/11/2014 @ 09:07:04
Di Anonimo
per seitan!?che fai, ti scrivi...
03/11/2014 @ 01:03:11
Di tana!
tivo principale per cui non mi...
21/10/2014 @ 21:49:42
Di Per Seitan
Io non capisco perchè gente se...
21/10/2014 @ 21:48:26
Di Per Seitan
Torneo storico di Bratto:Magis...
24/08/2014 @ 11:14:55
Di Crisi o Troppi tornei concomitanti?
Della serie è sempre colpa deg...
20/08/2014 @ 23:44:16
Di Straniero nel nome,italiano nelle scuse
esattamente com'è accaduto nei...
15/08/2014 @ 09:44:57
Di Dimissioni
Anche ieri per ore Scacchieran...
12/08/2014 @ 12:53:46
Di Anonimo
Una vera merda quest'Italia.
11/08/2014 @ 16:00:48
Di Flop
Scacchierando.it non è raggiun...
07/08/2014 @ 19:18:27
Di Lucky Man
Fabiano Caruana numero due al ...
03/08/2014 @ 19:25:46
Di Anonimo
mando e domando ai padroni del...
03/08/2014 @ 13:39:29
Di Anonimo
Scoppia una protesta per la se...
03/08/2014 @ 13:37:55
Di Anonimo
Fantasy Chess Olympiad 2014!!!...
02/08/2014 @ 13:59:57
Di Anonimo
averne 200 compreso i 160 del ...
28/07/2014 @ 21:20:07
Di www.scacchieravda.it
Compagni compagne!Ci troviamo ...
28/07/2014 @ 21:15:36
Di www.scacchieravda.it
di portare il saluto ai partec...
30/06/2014 @ 23:39:55
Di Finali Giovanili all'estero offresi
L'anno prossimo propongo di ch...
30/06/2014 @ 23:35:54
Di Finali Giovanili all'estero offresi
uesti disfattisti il comitato ...
16/06/2014 @ 23:38:04
Di www.scacchieravda.it
Cari compagne e compagni scacc...
16/06/2014 @ 23:34:58
Di www.scacchieravda.it

Titolo
Dblog (7)

Le fotografie più cliccate

Titolo
AIUTACI A MIGLIORARE SCACCHIERANDO. LA TUA OPINIONE È MOLTO IMPORTANTE! SCRIVI ALLA REDAZIONE

Su YouTube, i migliori video di scacchi scelti per voi!

UTILITÀ



Top 100 FIDE 1/4/2013

1. Carlsen, Magnus 2872
2. Aronian, Levon 2809
3. Kramnik, Vladimir 2801
Continua

Top 100 Italia 1/4/2013

1. Caruana, Fabiano 2772
2. David, Alberto 2583
3. Brunello, Sabino 2582

< novembre 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
             

Titolo

CHESS BLOGS

SITI AMICI

Avalon


Blogs that link here


View My Stats

Creative Commons License
Questo blog è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.



29/11/2014 @ 00:51:18
script eseguito in 1810 ms